giovedì 9 settembre 2010

Ma la cicogna è andata in pensione?!

All'inizo Diletta era attesa per il 15 di gennaio.
Ora invece, è prevista per il 22 di gennaio.
Ecco, in tutti questi mesi (domani entro nel 6°) che mi separano da Lei, io continuerò a sperare che inventino un'alternativa al travaglio.
Io un'idea ce l'avrei pure.
Avete presente l'inizio della spada nella roccia? Si, dove Merlino sistema per bene la sedia sotto un punto X facendo un buchetto sul suo tetto di paglia, con anacleto che lo sfotte per tutto il tempo?
E poi ad un tratto pufff, semola approda dal cielo giusto giusto per l'ora del the.
Ecco. Perchè i fagioli non possono venire al mondo così?
Perchè il parto deve essere così maledettamente doloroso?
Perchè per i nostri mariti-compagni si parla solamente di "un botta e via" mentre per noi donne, ci sono nove mesi di: nausee, stanchezza cronica, BRUFOLI, stitichezza, gonfiore, ritenzione idrica, corpo che si deforma e diventa un contenitore, dolori atroci, tagli li sotto, eventuali buchi nella spina dorsale e spremimento di tette per i seguenti 6-8 mesi dopo la nascita?!
Addio ai completini intimi sexy, perchè "il ferretto da fastidio", addio anche ai tacchi, alle minigonne e al sushi.
Addio agli insaccati (anche se qualche strappo alla regola...) e alla tartara!
Addio ad aperitivi.
Addio alle sigarette (anche se qualche strappo alla regola...).
E loro invece?
Loro possono continuare a mangiare tutto, a fumare, a bersi lo sprizzetto con gli amici, a indossare lo stesso intimo di prima (si, beh...) a portare la stessa taglia di jeans (anche se sembra che la panza di mio moroso cresca di pari passo alla mia :)). Insomma diventano genitori nel modo meno traumatico possibile.

Devo ammettere che finora non ho avuto grandi "effetti collaterali" e che sono stata addirittura meglio eliminando certe cose, ma l'idea del parto continua a sconvolgermi. Ho una paura fottuta!
Vi prego, faccio un appello generale...qualcuno inventi un'alternativa al travaglio entro gennaio 2011!!!!!!!
Ve ne sarò grata.

10 commenti:

  1. l'importante è che non fai come me: ti fai il travaglio e poi finisci in cesareo :D

    è una bella esperienza anche quella, so che a sentire cosi sembrano puttanate, ma ti assicuro che lo è :)
    e io son una che aveva una paura fottuta di fare le analisi del sangue!!!

    RispondiElimina
  2. non ho paura del dolore in se, ho paura di non riuscire a sopportarlo, o che peggio ancora, per qualche strano motivo non mi facciano l'epidurale...ecco direi che questa è una delle mie più grandi paranoie!!!! ahhhhhh

    RispondiElimina
  3. ti fai posticipare la data del parto a dopo il 21 dic 2012, tanto ci sara' la fine del mondo in quella data.... (lo so eli, son sempre la migliore in idee e suggerimenti)

    RispondiElimina
  4. ahahahahahah neanche la gravidanza di un rinoceronte (18 mesi) dura così tanto!!!!

    RispondiElimina
  5. hai pienamente ragione sulla disparità uomo-donna. soffriamo 1000 volte più di loro. ma non ti preoccupare per il parto...passa e ti assicuro che alla fine nella mente ti resta la meraviglia che hai provato nel veder nascere tuo figlio. credici!
    ah grazie per il follower.

    RispondiElimina
  6. :)
    di questo mi fido ciecamente, me l'hanno detto tutte le mamme... il problema è il prima :(

    RispondiElimina
  7. guarda, in "via col vento" dicono di mettere un coltello sotto il letto per tagliare il dolore in due......nc.....

    RispondiElimina
  8. Ma guarda, anche il travaglio è una questione di culo. Lo dico così, senza censura.
    Ho avuto amiche, parenti e via dicendo che hanno sofferto le pene dell'inferno. Altre (e mi includo nella lista, lo ammetto) che più di tanto non hanno patito.
    Sembra una scemenza, ma fai gli esercizi di Kögel, che sono una mano santa prima, durante e dopo il parto.
    E poi, vuoi una dritta che a me è servita parecchio? Se non rompi le membrane e non stai malissimo, aspetta il più possibile ad andare in ospedale.
    Un conto è farsi il travaglio lì, dove ci si sente sempre un pochino in imbarazzo, un conto è casa propria, dove si è pure libere di sacramentare senza che nessuno ti guardi male ;)
    Ah, un'altra cosa, anzi due... Cerca di non pensarci adesso, perchè ti fa solo entrare in paranoia (e te lo dice una che di paranoie se n'è fatte a quintali!) e poi...
    Grazie per il follower ☺

    RispondiElimina
  9. :) cercherò d seguire il consiglio...anche se a dire la verità ho sempre pensato che magari in ospedale si è più tranquili...si è monitorate..sai cosa sta succedendo passo per passo.
    Non so cosa succederà a me nel momento X, spero tanto di non dover rompere il sacco artificialmente. :((

    il fatto è che per una primipara di solito il travaglio dicono duri sulle 12 ore....e io mi chiedo: riuscirò a sopravvivere tutto quel tempo?! -_-

    RispondiElimina
  10. Il mio, in realtà, tra prodromi, travaglio e parto, è andato avanti per 22 ore (se ti capita, leggiti il post inerente all'inizio del blog), ma non è stato tanto malaccio... Se consideri che sono riuscita ad impastare un ciambellone per la mia dolce metà ;)
    E sì, tranquilla, riuscirai a sopravvivere tutto quel tempo... Anche se ci saranno momenti in cui non ti passerà mai il tempo =)

    RispondiElimina